INTERROGAZIONE IN MERITO ALL'ORDINANZA N. 9/2014 EX ART. 54 TUEL

PREMESSO CHE
 
  • In data 24 gennaio 2014 il Sindaco del Comune della Città di Chiusi, quale ufficiale del Governo, ha emesso ordinanza n. 9, ai sensi e per gli effetti dell'art. 54 TUEL, nei confronti dell'Ente Diocesi di Montepulciano Chiusi e Pienza, in persona del legale rappresentante p.t., con termine di validità della medesima in giorni15 dalla notifica, ordinando una serie di adempimenti in capo al destinatario;
  • suddetta ordinanza afferisce una situazione di fatto che trae le sue origini già nel lontano 2006, quando, con nota prot. 22208 del 19/12/2006 e poi successivo sollecito sempre con nota prot. 20164 del 24/11/2009, l'amministrazione comunale richiedeva alla proprietà di effettuare indagini per verificare la stabilità del muro di Via Garibaldi;
  • nessuna certificazione o informazione sulle verifiche perveniva all'Ente Comunale;
  • successivamente ed a distanza di ben 4 anni dall'ultima nota protocollo, e cioè nel 2013, perveniva al Comune a firma di privato cittadino, l'invito a provvedere alla verifica della stabilità del muro in questione;
  • in data 18/10/2013 veniva avviato procedimento ex L. 241/1990 diretto all'emissione dell'ordinanza ex art. 54 TUEL e veniva eseguito sopralluogo con conseguente redazione di una relazione tecnica illustrativa con indicazione di una serie di opere da eseguire immediatamente a carico della proprietà;
  • nuovamente alcun documento ed alcuna pratica risultava attivata presso l'Ufficio Tecnico Comunale;
  • il successivo sopralluogo,  disposto in data 20/01/2014, a distanza di 8 anni dalla prima nota protocollo del 2006, rilevava un aggravamento dello stato del muro determinante un pericolo attuale, urgente ed indifferibile per la sicurezza e l'incolumità delle persone in caso di suo crollo sulla pubblica via;
  • veniva conseguentemente emessa ordinanza n. 9/2014, contingibile ed urgente ex art. 54 comma II TUEL, con notifica al destinatario e concessione di un termine di 15 giorni dalla notifica per l'esecuzione delle misure ivi indicate con espressa previsione che il mancato adempimento  costituiva violazione dell'art. 650 c.p.;
  • solo in data 30/01/2015, a distanza di ben oltre un anno dall'emissione dell'ordinanza, l'Ente Diocesano rispondeva producendo memoria tecnica preliminare e nulla certificando o documentando in merito all’esecuzione delle opere disposte dal Sindaco in qualità di Ufficiale di Governo;
  • anzi dalla memoria tecnica preliminare, addirittura si evince:
  1. l'incertezza sulla consistenza del manufatto (in termini di spessore di muratura ed eventuali drenaggi);
  2. l'incertezza sull'evoluzione temporale dei movimenti ed assestamenti murari;
  3. la verticalità del muro, in alcune posizioni al limite del convenzionalmente accettabile;
  4. la necessità di verifica delle condizioni e delle caratteristiche del terreno in aderenza al muro (per quanto riguarda il deflusso delle acque meteoriche);
  5. la necessità di indagini geologiche e geognostiche dirette al progetto degli interventi di consolidamento;
  6. indicazione di una serie di opere che possono comunque essere eseguite.
Con ciò, nonostante la gravità della situazione che sirileva dalla memoria tecnica prodotta dallo stesso destinatario, ad oggi, come desumibile dalla documentazione ottenuta a seguito di accesso agli atti, non risultano pervenuti documenti o certificazioni relative alle opere eseguite, esiti delle indagini geologiche e geognostiche ritenute necessarie, opere di contenimento o di manutenzione da adottare anche in via provvisoria e contingente e soprattutto documenti comprovanti l'esecuzione delle misure indicate nell'ordinanza sindacale n. 9 del 24/01/2014. Nel contempo ed al fine di garantire l'osservanza della propria ordinanza n. 9/2014 non appaiono adottate le misure di legge o comunque quanto previsto dal provvedimento in oggetto.  

RILEVATO ALTRESI' CHE:
 
non si evidenziadalla documentazione che abbiamo ricevuto a seguito di accesso agli atti, la comunicazione preventiva dell'ordinanza n. 9/2014 al Prefetto ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 54, comma 4 TUEL;
 
non si evidenzia  agli atti alcun provvedimento sindacale emesso a seguito dell'ordinanza n. 9/2014 al fine di dare esecuzione d'ufficio alle opere ivi indicate, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 54, comma 7 TUEL
 
rilevato quanto sopra,
 
SI CHIEDE:
 
se ha avuto luogo la comunicazione preventiva dell’ordinanza n.9/2014 al Prefetto ai sensi e per gli effetti di cui all’art.54, comma 4 TUEL;
 
se nel periodo intercorso dall’ordinanza sindacale n. 9 del 24/01/2014 ad oggi sono stati assunti provvedimenti e/o comunque misure precauzionali in merito alla situazione sopra esposta;
 
se sono stati avviati i procedimenti diretti a concordare le modalità di indagine tra i vari enti preposti (come suggerito nella memoria tecnica preliminare del 30/01/2015);
 
la presente interrogazione é inoltrata al Prefetto ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 54 comma 9e 11 TUEL affinché il medesimo possa intervenire con proprio provvedimento e disporre:
  • le misure adeguate con il concorso delle Forze di Polizia;
  • le ispezioni per accertare il regolare svolgimento dei compiti affidati;
  • l'acquisizione di dati e notizie interessanti altri servizi di carattere generale.
 
 
 
 
 

 I Consiglieri Comunali M5S
                                                                                                         
Bruna Cippitelli
Bonella Martinozzi

Powered by Rakzar